Il 13° Convegno di Ufologia Città di Tarquinia “U.F.O. ieri, oggi, domani”.

Autore: , Pubblicato il 17 maggio 2011 alle ore 03:14 nella categoria Articoli, Notizie


Il 13° Convegno di Ufologia Città di Tarquinia “U.F.O. ieri, oggi, domani” (14/15 maggio 2011). Un successo – così come per tutti i relatori – l’intervento del Coordinatore Regionale del CUN Puglia Mauro Panzera.

Il 14 ed il 15 maggio 2011, nella splendida cornice della Sala Consiliare del Comune di Tarquinia (VT) e nel solco di una tradizione ormai ultradecennale, si è tenuta la 13° edizione del Convegno di Ufologia Città di Tarquinia “U.F.O. ieri, oggi, domani”, ad ingresso libero. L’iniziativa, frutto dell’instancabile attività del Coordinatore Nazionale e Coordinatore Regionale per il Lazio del Centro Ufologico Nazionale (C.U.N.) Alessandro Sacripanti, si è caratterizzata per il Patronato della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo/Assessorato alla Cultura, del Comune di Tarquinia/Assessorato alla Cultura, dell’Università Agraria di Tarquinia, del Council of International Federation for Advanced Studies (C.I.F.A.S.), dell’Associazione Osservatorio Parlamentare per lo studio del fenomeno U.F.O. e del Centro Nazionale Astroricercatori Indipepenti (C.N.A.I.). Numerosissimo e folto il pubblico presente. Come da molti anni, lo scrivente ha partecipato attivamente all’incontro.

La mattina del 14, A. Sacripanti, il Consigliere Nazionale del CUN Moreno Tambellini ed il Coordinatore Nazionale della Commissione Scientifica della medesima Associazione  Ing. Massimo Angelucci hanno inaugurato il convegno, recando il saluto alle Autorità ed evidenziando il carattere di ricerca seria condotto dal CUN (con 12.000 casi derubricati ed immessi sul nostro database), in un modo avulso da sensazionalismi. In un momento particolarmente toccante A. Sacripanti – assieme alla propria cugina Simona – ha rievocato la memoria del cugino Luca Bellatreccia scomparso anni fa, cui da tempo si dedica il convegno.

Sono stati quindi invitati ad intervenire, per il Comune di Tarquinia, il Consigliere delegato C. Minniti ed il Comandante della Polizia locale C. Benni, i quali hanno ringraziato gli organizzatori. Il Consigliere delegato in particolare ha esaltato il ruolo coraggioso dell’ufologia al giorno d’oggi.

Il Responsabile delle Comunicazioni e dell’Ufficio Stampa del CUN Lazio Riccardo Protani ha presentato un interessante excursus delle più recenti proiezioni cinematografiche aventi ad oggetto tematiche ufologiche e fantascientifiche. Egli si è soffermato nello specifico su una serie di cartoni animati giapponesi del 1978, ipotizzando che ciò potesse aver influenzato la ricostruzione della successiva vicenda del famoso metronotte genovese Fortunato Zanfretta, il quale com’è noto sarebbe stato protagonista di un incontro ravvicinato con una misteriosa presunta razza aliena.

E’ entrato quindi il rappresentante dell’Università Agraria di Tarquinia, il quale ha portato il saluto della propria Istituzione.

Il Coordinatore della Commissione Scientifica del CUN Ing. Massimo Angelucci ha posto in risalto l’atteggiamento spesso prevenuto o privo d’interesse della comunità scientifica nei confronti di un fenomeno come quello ufologico che, com’è noto, dovrebbe costituire oggetto di indagini serie attribuendo una doverosa importanza  al fattore della testimonianza, che, tra le altre cose, in un contesto del tutto differente (quello giuridico-processuale) assume un peso tutt’affatto che trascurabile.

La Responsabile delle Comunicazioni e dell’Ufficio Stampa del CUN Lazio Dott.ssa Valeria Guidotti ha rievocato le vicende del contadino svizzero Hans Buchmann, scomparso misteriosamente nell’a. 1572 per poi ricomparire a Milano, secondo quanto riportato negli Archivi della Biblioteca Cantonale di Lucerna. La vicenda è stata accostata sia al mito della “caccia selvaggia” infernale che ad un’ipotesi ufologica, considerando i numerosi punti di contatto tra quest’ultima ed il fenomeno delle abductions, i presunti rapimenti alieni (assenza di suono, agitazione degli animali, presenza di fenomeni luminosi in cielo, stordimento negli uomini coinvolti, perdita della nozione spazio-temporale).

A. Sacripanti ha presentato, congiuntamente al Presidente dello C.N.A.I. Silvio Eugeni, l’innovativo progetto per il monitoraggio degli oggetti connessi al cosiddetto “rientro atmosferico” (i fenomeni naturali come bolidi, la “spazzatura spaziale”, ecc…); l’iniziativa è fondata su un’attiva rete di partners in Italia. Si è altresì evidenziato il ruolo delle Istituzioni sull’argomento, come testimoniano lo studio Fire Officer’s Guide to Disaster Control dei Vigili del Fuoco USA e, in Italia, la ricerca della Protezione Civile del Piemonte sul rischio asteroidi. Silvio Eugeni ha preannunciato gli effetti che ad ottobre potrebbe provocare l’eventuale intersezione dell’orbita terrestre da parte di alcune componenti della coda di una cometa. E’ stata parimenti preannunciata la Serata Osservativa del Cielo e della Luna per le ore 22,30 del giorno stesso, al belvedere in via Alberata Dante Alighieri a Tarquinia (l’iniziativa si è tenuta nei tempi previsti ed è stata un pieno successo).

Nella sessione pomeridiana il Consigliere Nazionale del CUN Moreno Tambellini ha illustrato il frutto di un suo recente ed originalissimo lavoro: una vera e propria mappa stellare della provenienza delle ipotetiche razze aliene, secondo le ricostruzioni fornite dai testimoni.

Il Presidente dell’Associazione Nazionale Osservatorio Parlamentare per lo studio del fenomeno U.F.O. On.le Amm. Falco Accame, supportato dalla ex giornalista parlamentare Maria Cristina Rossi,  ha presentato una propria ipotesi di lavoro sulla materia ufologica: egli infatti preferisce parlare di Macchie, ritenendo che la definizione tradizionale (U.F.O.) risenta eccessivamente di un approccio fondato sulle ragioni della difesa e della sicurezza militari, più che sull’ontologia vera e propria del fenomeno. F. Accame, già Presidente della Commissione Parlamentare per l’uranio impoverito, alla fine degli Anni Settanta aveva presentato com’è noto al Governo italiano un’interrogazione parlamentare sugli U.F.O.

A. Sacripanti ha quindi informato il pubblico che il Reparto Generale Sicurezza dell’Aeronautica Militare, a differenza che nel passato, non ha una competenza limitata allo studio del fenomeno dal punto di vista statistico, ma estesa alla redazione di studi tecnici sull’argomento.

S. Eugeni ha successivamente illustrato il fenomeno dei cosiddetti Fenomeni lunari transienti.

Il Segretario Generale del C.U.N. Dr. Roberto Pinotti ha efficacemente descritto le modalità operative dell’Associazione medesima, la quale studia il fenomeno U.F.O. da un rigoroso punto di vista empirico e scientifico, con particolare riguardo a tematiche delicate come le abductions (i presunti rapimenti alieni) in una logica assolutamente avulsa dal sensazionalismo. Parimenti, il C.U.N. ha istituito una Commissione per lo studio del fenomeno del contattismo, che, come ha evidenziato il Dr. Pinotti, non è omogeneo e per certi versi costituisce un fertile campo di ricerca. L’ufologia non rappresenta oggidì una scienza, bensì un oggetto di studio interdisciplinare.

Il Presidente del Gruppo Astrofili Tarquinia Vincenzo Masala ha descritto le proprie attività, sinergiche a quelle del C.U.N.

Il biologo Dr. Lucio Artori si è soffermato sull’ambito dell’attività del Comitato Studi Abductions del C.U.N., che, una volta ritenuti i singoli casi rilevanti – e grazie all’operato di un team di professionisti nei settori più disparati (medico, biologico, giuridico, terapeutico, psicologico, sociologico, ecc…) – affida i casi medesimi a consulenti esterni. Si è peraltro evidenziata la necessità di integrare con altre metodologie il ricorso alla regressione ipnotica, considerando altresì come il fenomeno delle abductions presenti singolari analogie con la sindrome post-traumatica da stress (riferita ad es. a chi ha vissuto esperienze in materia di terremoti, stupri, ecc…).

La ricercatrice indipendente Lilly Astore ha illustrato interessanti osservazioni inerenti la comunicazione del giorno d’oggi, in una logica applicata all’ufologia.

Il Consigliere Nazionale del Centro Italiano Studi Ufologici (C.I.S.U.) Andrea Bovo ha portato i saluti della propria Associazione ed ha spiegato le caratteristiche di alcuni fenomeni ufologici .

A. Sacripanti ha salutato e ringraziato i relatori della sessione del 14. E’ stata ringraziata la Tesoriera e Consigliera Nazionale Dott.ssa Susanna Urbani, per il proprio prezioso lavoro.

Nella sessione della domenica 15, i lavori sono iniziati con la relazione dell’Ing. Alfredo Magenta, Presidente della VI Commissione Telecomunicazioni ONU-UIT e Membro del Board dell’UIT, il quale ha effettuato la descrizione di una carrellata di fenomeni inspiegabili del passato ma collegabili al fenomeno ufologico. Egli si è parimenti soffermato inoltre nell’analisi di fenomeni di rilevanza astronomica ed esobiologica (ad es. i batteri estremofili).

E’ intervenuto il giornalista e conduttore televisivo RAI Dr. Osvaldo Bevilacqua, che ha riconfermato il proprio interesse per la materia di cui trattasi, auspicando che il convegno di Tarquinia possa evolversi ulteriormente fino ad assumere le vesti di un vero e proprio convegno internazionale, magari caratterizzato dalla presenza di numerosi scienziati e vincitori di Premi Nobel. Il Dr. Bevilacqua si è messo in collegamento telefonico con il Dirigente RAI e conduttore della trasmissione televisiva  Voyager Dr. Roberto Giacobbo, il quale ha messo in risalto l’auspicio che le tematiche ufologiche siano studiate con serio ed onesto spirito di curiosità, senza rifiutarsi di vedere realtà scomode.

Lo scrivente – in qualità di Coordinatore Regionale del C.U.N. Puglia – ha illustrato le caratteristiche della casistica ufologica pugliese dell’a. 2010 (il testo della relazione è allegato al presente scritto).

Il Responsabile di Rete U.F.O. Catanzaro Dr. Paolo Bergia ha illustrato le vicende che negli Anni Sessanta videro gli USA vincere la “corsa spaziale” alla Luna, sia pure nonostante le polemiche suscitate dal leader afro-americano Abernathy, il quale ritenne che ciò avrebbe comportato uno spreco di risorse altrimenti utilizzabili per risolvere problemi sociali ed economici interni.

Il Responsabile Informatico del C.U.N. Lazio Carlo Rofena ha presentato alcuni video su “You Tube”.

E’ intervenuto salutando i presenti “Mr.Tarquinia”, la cui presenza ha introdotto una simpatica nota di colore.

Il Coordinatore Regionale del C.U.N. Toscana Franco Marcucci ha descritto alcuni effetti anomali prodotti dagli U.F.O. , i quali potrebbero costituire lo studio di Istituzioni e centri di ricerca (ad esempio, in materia di elettromagnetismo).

Alla fine della mattinata si è concluso il convegno.

Le Foto:

Allegato: Casistica ufologica pugliese dell’a. 2010

Popularity: 8% [?]

Tags: , , , , , , , ,

Leave a Reply

*

Trackbacks

Leave a Trackback
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close