Quanta curiosità per Marte!

Autore: , Pubblicato il 3 agosto 2012 alle ore 18:56 nella categoria Articoli

Mancano ormai pochi giorni all’alba del 6 agosto, per l’esattezza le 7,31, l’ora prevista per lo sbarco sulla superficie marziana del robot Curiosity, che andrà alla ricerca di acqua e tracce di vita. Prosegue così l’incessante corsa dell’Uomo allo studio sistematico del Pianeta Rosso.

Costato ben 2 miliardi di euro e pesante 900 chili con sofisticate batterie al plutonio (e 10 strumenti scientifici a bordo), il rover della Nasa atterrerà in un cratere marziano e sarà in grado di percorrere 200 metri al giorno, grazie all’utilizzo di sei ruote (il nostro robot è lungo tre metri e largo 2,8). Ma dopo aver sperimentato modalità e condizioni di viaggio estremamente difficili, anzi le più ostiche mai affrontate fino ad ora. Tant’è vero che c’è chi parla già di sette minuti di terrore, evidentemente strizzando l’occhio ad un certo filone cinematografico hollywoodiano.  Ma come avverrà lo sbarco? Presto detto.  Una volta entrato a 130 chilometri di altezza nell’atmosfera del Pianeta Rosso, il modulo, aiutato dalla rarefazione dell’atmosfera e da un apposito scudo termico, dovrà rallentare di ventimila chilometri all’ora. Successivamente, un paracadute di nylon si aprirà a 1500 chilometri all’ora, sopportando un peso di 65mila tonnellate.  Quindi, ad un chilometro e mezzo di altitudine, vi sarà l’accensione dei razzi incaricati di diminuire la velocità (da 288 a 2 chilometri all’ora), ed il nostro modulo depositerà delicatamente al suolo Curiosity, taglierà le corde s e andrà via. In definitiva, dopo l’impatto con l’atmosfera marziana, in soli sette minuti  si potrà rallentare e poggiarsi al suolo.  Il robottino ha un microchip con la scansione di due capolavori di Leonardo (il Codice del volo e l’Autoritratto), che potranno essere ammirati da un eventuale marziano intelligente.

Una volta su Marte, Curiosity cercherà l’acqua e le eventuali tracce di vita. Il cratere scelto per l’atterraggio, Gale,  presenta le caratteristiche di un fondale levigato e potrebbe aver ospitato un lago miliardi di anni fa.  Il robottino risalirà il Monte Sharp. La missione durerà ufficialmente 23 mesi, ma non è affatto escluso che possa durare più a lungo, come è già accaduto in passato.

Fonti: Arriva su Marte il robot dei record “Vogliamo capire se la vità è nata qui” di Elena Dusi (La Repubblica del 31-07-2012); Terra-Marte in 7 minuti di paura di Marco Magrini (Il Sole 24 Ore del 29-07-2012).

Popularity: 1% [?]

Tags: , , , ,

Leave a Reply

*

Trackbacks

Leave a Trackback
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close